Scale e cenni storici

 

Pagina principale
Iscrizione
Novità in edicola
Novità
Scale e cenni storici
Galleria
I negozi
Libri e riviste
Enciclopedie
A lezione di...
Trucchi e consigli
Altri siti

Storia delle Dollhouses

Trecento anni fa le Dollhouses erano già di moda in Europa.
In Germania si facevano case di bambola all'interno di armadi: quando le porte dell'armadio erano aperte, venivano mostrate tutte le stanze della casa, dallo scantinato all'attico. Le case erano alte talvolta anche 2 metri o 2,5 metri ed erano create per gli adulti.
Alcune di queste case sono oggi nei musei; una delle più belle è Casa Ultrech (olandese) creata nel 1670: questa ha 15 stanze di cui una piena di piccoli vasi ed altri tesori in miniatura.
Queste piccole case erano ammobiliate esattamente come le case a grandezza reale e oggi sono una testimonianza di come potevano vivere le persone nei secoli passati.
Alcune volte una Dollhouse è anche abitata da bambole che hanno le caratteristiche dei veri abitanti di quel tempo: oltre ai padroni di casa seduti in salotto, si trovano cuochi, maggiordomi, cameriere e lavandaie al lavoro nelle loro stanze. In una di casa c'è anche una bambinaia che tiene in braccio un neonato il cui vestito sfiora il pavimento.
Nelle migliori case ogni piccolo oggetto è perfettamente riprodotto; le cucine sono complete di pentole e tegami, coltelli, piatti, candelieri, cestini e scope.
Queste case erano così costose che solo le persone più ricche potevano possederne una. Il russo Pietro il Grande ne ordinò una, ma quando fu finita si rifiutò di pagarla perché costava troppo anche per lui. La moglie del re di Gran Bretagna Giorgio V era appassionata di Dollhouse: ne possedeva una costata un patrimonio completa di veri pianoforte e dipinti di veri artisti.
La casa di 11 stanze dell'attrice americana Colleen Moore è alta 3,5 metri, larga più di 2,5 metri ed è costata un milione di dollari (un candeliere del salotto è decorato con veri diamanti ed altre pietre preziose).
Ma le case di bambola non sono sempre così grandi e costose. Alcune hanno 6 o 7 stanze ed altre solo una. Esistono anche negozi in miniatura.

(Traduzione dal sito di Mab O'Connor)

 

Oggi chi si vuole occupare di questo hobby fortunatamente non deve possedere un milione di dollari ed esistono diverse possibilità:
sia per le case che per i mobili esistono dei "Kit" che contengono tutto il materiale necessario alla costruzione e le istruzioni necessarie (purtroppo è necessario rivolgersi all'estero poiché in Italia pochi negozi di modellismo tengono questi articoli che sono comunque sempre importati e quindi hanno dei prezzi abbastanza elevati);
se si ha una certa manualità si può costruire tutto da soli; in questo caso si può spaziare da case molto semplici (fatte usando delle scatole) e arredate con oggetti creati con materiale di recupero (es. piccole scatole, cartone, carta, ...) a case  complete di mobili tutte realizzate in legno.
E' un hobby vastissimo perché ognuno può specializzarsi nel costruire qualcosa di particolare (come avviene ad esempio all'estero dove moltissime sono le persone che si dedicano alle Dollhouses e quindi necessariamente ognuno deve darsi un po' di specializzazione) e dove è necessario guardarsi sempre intorno lavorando di fantasia perché qualsiasi piccolo oggetto, anche destinato alla spazzatura, può essere trasformato in qualcosa per l'arredamento delle piccole case.

 

Le scale.

La scala più utilizzata e la 1:12.
Può sembrare una scala strana ma la spiegazione è semplice: nei paesi anglosassoni non sono usati i centimetri come unità di misura ma i piedi (1 piede = 30,48 cm) ed i pollici (1 pollice = 2,54 cm) ed 1 piede è composto di 12 pollici; visto che la scala usata di più è  "1pollice : 1piede" , questa può anche essere espressa come 1:12.

Altre scale (meno usate) sono:
1:24     --> mezzo pollice : 1 piede;
1:48     --> un quarto di pollice : 1 piede;
1:6       --> 2 pollici : 1 piede (per le Fashion Dolls)